"Se le previsioni attuali sulla crescita demografica si
riveleranno accurate e se le modalità dell'attività umana sul pianeta resteranno
invariate, la scienza e la tecnologia potrebbero non essere in grado di
prevenire il degrado irreversibile dell'ambiente o la condizione costante di
povertà per gran parte del mondo... Alcune modificazioni dell'ambiente possono
produrre danni irreversibili alle capacità della Terra di sostenere la vita.
Il ritmo complessivo della modificazione ambientale è stato senza dubbio
accelerato dalla recente espansione della popolazione umana...
E' in
gioco il futuro del nostro pianeta"

U.S. National Academy of Sciences e Royal Society of London, 1992
"Gli esseri umani e la natura si trovano in rotta di
collisione ... La capacità della Terra di provvedere a quantità crescenti di
persone ha un limite ... e ci stiamo velocemente avvicinando a molti dei limiti
della Terra. Le pressioni derivanti dalla
crescita demografica
incontrollata
avanzano delle pretese sul mondo naturale che possono
sopraffare qualsiasi sforzo di raggiungere un futuro sostenibile ... Non
rimangono che pochi decenni prima che vada perduta l'opportunità di allontanare
le minacce che incombono su di noi e che venga compromessa oltre misura la
prospettiva per l'umanità"
Union of Concerned Scientists, 1992, firmata da 1680 esponenti scientifici di 70 paesi, compresi 104 premi Nobel
---------------------------------------------------------------------------------------------

Gentile navigante…

…grazie per la tua visita. Sei capitato in uno spazio virtuale nato per sensibilizzare ed informare, per testimoniare e denunciare lo stato di degrado dell’ecosistema inteso come insieme di tutte le forme di vita, Homo Sapiens ovviamente incluso. Ma anche per fare delle proposte. I tuoi commenti sono dunque preziosi e benvenuti al fine di dare insieme forma all’econonviolenza. Se vuoi contattarmi, per qualsiasi motivo, puoi usare il seguente indirizzo e-mail: fabargo2004@yahoo.it

martedì 15 gennaio 2008

MORATORIA DELL'ABORTO O DIRITTO DI OGNI VITA SENZIENTE?

di Francesco Pullia, Luca Pardi, Jolanda Casigliani, Guido Biancardi, Claudia Sterzi, Alessandro Rosasco, Lucio Berté

Nature is watching
© Photographer: Scops | Agency: Dreamstime.com

In questi giorni le cronache sono state occupate dall'ipocrita e mistificatoria proposta di moratoria dell'aborto di Giuliano Ferrara sposata immediatamente dalle gerarchie vaticane. Questo genere di campagne, che i radicali conoscono bene, sono generalmente lanciate in nome di un generico principio di difesa della vita che rappresenta nella sua forma più violenta e intollerante, il nucleo della cultura dominante, d'ispirazione cattolica, segnata dall'antropocentrismo secondo cui la difesa della vita si esaurisce unicamente nella sfera umana, in senso specista, e sarebbe inerente solo a questa. Ogni altra possibile considerazione riguardante i diritti degli altri esseri senzienti viene giudicata con ironica superiorità come manifestazione di un estremismo ecologista irrazionale e romantico.

Al contrario noi pensiamo che sia giunto il momento di rivendicare la lungimiranza di una visione olistica che intenda l'uomo come parte integrante e integrata dell'ecosistema terrestre in piena ed ineludibile interdipendenza con tutte le altre forme viventi. In quest'ottica, la feticistica sacralizzazione di un grumo di cellule invocata con forza dai falsi difensori della vita, deve essere radicalmente rigettata perché teoreticamente, eticamente, scientificamente inaccettabile. Ad essa va contrapposta la promozione dei diritti di tutti gli esseri che con l'uomo condividono le sorti di questo pianeta.

E dato che il primo aspetto di violazione dei diritti animali è costituito dalle diverse forme di allevamento intensivo industriale, riteniamo giusta oltre che utile una moratoria proprio su questo tipo di allevamenti.

Giusta perché le condizioni di vita degli animali negli allevamenti intensivi sono semplicemente simili a quelle dei condannati ad essere sterminati nei lager o nei gulag dei regimi totalitari. Utile perché tale moratoria sarebbe un segno nella direzione del ritorno graduale dell'uomo verso un'alimentazione decisamente più equilibrata, meno dispendiosa in termini di spreco di ingenti risorse che potrebbero essere altrimenti e meglio destinate, autenticamente nonviolenta, cioè non basata su rapporti di (pre)dominio, sofferenza, annientamento.

Si tenga ben presente che la Fao, quindi certamente non “un'organizzazione animalista”, ha indicato nel quantitativo abnorme del metano prodotto proprio dagli allevamenti intensivi uno dei fattori dell'inquinamento e del degrado climatico.

Il settore zootecnico mondiale sta aumentando vertiginosamente con un ritmo più elevato di ogni altra attività rurale costituendo circa il 40 per cento della produzione agricola complessiva. Se continueremo così la produzione di carne raggiungerà nel 2050 circa 465 milioni di tonnellate, mentre quella di latte supererà tranquillamente 1043 milioni di tonnellate. Le stime mostrano che oggi la biomassa dei vertebrati terrestri (mammiferi, uccelli e rettili) è costituita solo per il 2% da biomassa selvatica, il restante 98% è costituito per un terzo dalla biomassa umana e per due terzi dalla biomassa di animali allevati intensivamente (bovini, ovini, suini ecc).

Se si tiene conto anche dell'incidenza dell'aumento della popolazione umana nel mondo non è difficile azzardare previsioni pessimistiche anche in termini di gravità di danni ambientali.

Inutile nascondere che politiche inappropriate e una gestione inadeguata del bestiame hanno sensibilmente contribuito all'avanzamento della desertificazione e ad un aumento di morti da sterminio per fame e per sete. Lo sfruttamento eccessivo dei pascoli su larga scala interferisce con il ciclo dell'acqua, riducendo il rifornimento delle falde, senza considerare, poi, la notevole quantità destinata alla produzione di foraggi.

L'obiettivo primario degli allevamenti intensivi consiste nella riduzione di tempi e costi di produzione con l'accelerazione al massimo della crescita degli animali, a scapito, in primo luogo, delle condizioni di salute loro e di chi è indotto a consumarne la carne.

Dermatiti, zoppie, rotture delle zampe, infezioni, asciti e altre gravi malattie o malformazioni sono la realtà quotidiana nelle odierne Treblinke industriali, nelle quali polli, bovini, suini, ovini vengono unicamente considerati prodotti e non esseri viventi e senzienti come noi, soggetti, come noi, a soffrire.

I polli, ad esempio, sono sottoposti ad una esasperata selezione genetica allo scopo di accelerarne la crescita e di svilupparne il petto, la parte maggiormente richiesta dai consumatori.

Spesso la selezione comporta uno sviluppo deforme degli organi, come un intestino tre volte più lungo del normale. Negli allevamenti intensivi i volatili sono stravolti geneticamente e trasformati in macchine da carne. Quanto detto sui polli vale, amplificato, per tutte le altre specie. Si consideri, inoltre, l'indebito ricorso ad estrogeni e antibiotici per gonfiare muscoli e ottenere maggiore peso e carni più tenere. Le sostanze restano, poi, residuali costituendo un rischio per la salute umana.

Le crisi sanitarie ricorrenti negli allevamenti intensivi sono testimoniante dai frequenti allarmi per l'”impazzimento” delle mucche o per influenze aviarie. In realtà divoriamo gli altri animali non per effettiva necessità ma per esercitare predominio su di loro.

A meno che non si voglia essere compartecipi di quello che giustamente Jeremy Rifkin ha chiamato ecocidio dobbiamo imporre una drastica svolta.

La nostra non è una posizione ideologica ma dettata dal buonsenso e dalla consapevolezza che, come ha affermato il filosofo Theodor W. Adorno, Auschwitz inizia ogniqualvolta qualcuno, dinanzi ad un mattatoio o ad una macelleria, pensa che si tratti soltanto di animali.
Quel soltanto è, invece, la cruna dell'ago attraverso cui passa e si compie anche il nostro destino. Se non ci si renderà conto del legame che in questo pianeta lega tutto e/a tutti, se non si acquisterà una responsabilità per e dell'altro da e di noi, non avremo scampo. Lungi dall'essere catastrofisti, vogliamo lanciare un preoccupato e preoccupante segnale.

E non è finita. Chiediamo che, proprio in segno di rispetto della scienza, si fermino le inutili crudeltà della sperimentazione, medica e cosmetica, sugli animali e della vivisezione. Grazie all'evoluzione della ricerca scientifica è oggi possibile affermare, senza timore di alcuna smentita, la validità di metodi di sperimentazione sostitutivi e non invasivi.

La prestigiosa rivista “Nature” ha confermato che ormai abbiamo la possibilità e l'opportunità di ricominciare da zero, sviluppando test, davvero predittivi, basati su evidenze reali ed ha dimostrato ampiamente che la maggioranza degli esperimenti condotti su animali sovrastima o sottostima la tossicita' delle sostanze chimiche nell'uomo. Eppure si insiste pervicacemente su questa barbarie per inerzia o, peggio, per squallidi interessi commerciali, carrieristici e per ottenere l'erogazione di finanziamenti statali. Sappiamo benissimo che c'è in gioco un incalcolabile giro di affari in cui, tra l'altro, rientra anche il traffico clandestino di animali.

Crediamo, quindi, che sia giunto il momento di attuare davvero una politica per e della vita impostata non sulle menzogne ma sul rispetto e sul superamento della sofferenza per e di tutti. Occorre una rivoluzione culturale. La nonviolenza è il suo cardine.

1 commento:

felis ha detto...

Ottimo post, complimenti Fabrizio! E' un'argomento importantissimo da portare avanti giorno dopo giorno, una vera svolta culturale al contrario del regresso dogmatico della moratoria sull'aborto.