"Se le previsioni attuali sulla crescita demografica si
riveleranno accurate e se le modalità dell'attività umana sul pianeta resteranno
invariate, la scienza e la tecnologia potrebbero non essere in grado di
prevenire il degrado irreversibile dell'ambiente o la condizione costante di
povertà per gran parte del mondo... Alcune modificazioni dell'ambiente possono
produrre danni irreversibili alle capacità della Terra di sostenere la vita.
Il ritmo complessivo della modificazione ambientale è stato senza dubbio
accelerato dalla recente espansione della popolazione umana...
E' in
gioco il futuro del nostro pianeta"

U.S. National Academy of Sciences e Royal Society of London, 1992
"Gli esseri umani e la natura si trovano in rotta di
collisione ... La capacità della Terra di provvedere a quantità crescenti di
persone ha un limite ... e ci stiamo velocemente avvicinando a molti dei limiti
della Terra. Le pressioni derivanti dalla
crescita demografica
incontrollata
avanzano delle pretese sul mondo naturale che possono
sopraffare qualsiasi sforzo di raggiungere un futuro sostenibile ... Non
rimangono che pochi decenni prima che vada perduta l'opportunità di allontanare
le minacce che incombono su di noi e che venga compromessa oltre misura la
prospettiva per l'umanità"
Union of Concerned Scientists, 1992, firmata da 1680 esponenti scientifici di 70 paesi, compresi 104 premi Nobel
---------------------------------------------------------------------------------------------

Gentile navigante…

…grazie per la tua visita. Sei capitato in uno spazio virtuale nato per sensibilizzare ed informare, per testimoniare e denunciare lo stato di degrado dell’ecosistema inteso come insieme di tutte le forme di vita, Homo Sapiens ovviamente incluso. Ma anche per fare delle proposte. I tuoi commenti sono dunque preziosi e benvenuti al fine di dare insieme forma all’econonviolenza. Se vuoi contattarmi, per qualsiasi motivo, puoi usare il seguente indirizzo e-mail: fabargo2004@yahoo.it

giovedì 24 gennaio 2008

LA CASTA, QUELLA VERA, QUELLA SACERDOTALE

Golden bishop
© Photographer: F. Argonauta | Agency: Dreamstime.com

Oggi tutti parlano della casta dei politici, ma anche dei magistrati, dei giornalisti, dei professori universitari e così via. La casta delle caste è invece la casta sacerdotale. Così oggi il sommo Benedetto:
_
Papa accusa secolarismo occidentale
Presenta segni che non possono non preoccuparci
(ANSA) - ROMA, 24 GEN - 'Il secolarismo occidentale forse piu' subdolo di quello marxista presenta segni che non possono non preoccuparci' dice il Papa. Benedetto XVI nel discorso ai vescovi sloveni sottolinea 'la ricerca sfrenata dei beni materiali, alla riduzione della natalita', e ancora al calo della pratica religiosa con una sensibile diminuzione delle vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata'.
_

Uno che vive nel lusso più sfrenato insieme agli altolocati della sua casta, sommersi d’ogni bene pure materiale, e che si distinguono per essere tra i maggiori responsabili del disastro causato dalla sovrappopolazione e che pure basta guardarlo in faccia quando sogghigna per comprendere chi si tiene da lui e dei suoi compari lontano, come fa a rilasciare dichiarazioni così smaccatamente surreali? Dico io: c’è un limite a tutto, anche a questo papa.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

purtroppo hai ragione la chiesa come sempre sta dando il peggio di se stessa. io non sono credente ma penso che se solo riuscisse a rinnovarsi e a mostrarsi propositiva nell'affrontare i problemi col bisogno che c'e' di credere farebbe il pienone. le chiese non sarebbero deserte o piene di soli vecchietti sarebbe un posto dove trovare conforto invece che un posto dove trovare assurdita'

roberto de falco

C.P. ha detto...

Parole sacrosante!
Purtroppo l'inquietante neo-tradizionalismo ratzingeriano, supportato per meri interessi di bottega da quasi tutta la classe politica naz.le e dagli ineffabili "atei devoti", rischia di ridurre la Penisola ad un lugubre e fortemente immiserito Stato teocratico di stampo islamico/medievale...